ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA

Ordine degli Avvocati di Brescia

P.IVA / C.F. 00887710176

Via S. Martino della Battaglia, 18 25121 - Brescia

Camera di conciliazione Camera di conciliazione

Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento

Tariffario

Home / Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento / Tariffario

Tariffario compensi

Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell'Ordine degli Avvocati di Brescia

Iscritto al n. 157 della sezione A del registro di cui all’art.4 del DM 202/2014

 

    •   Con delibera del 23.04.2018 il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Brescia ha statuito che al deposito della domanda di avvio della procedura di sovraindebitamento il debitore/consumatore non deve effettuare alcun pagamento.
    •   L’organismo, nella persona del gestore nominato, valutata l’ammissibilità della domanda, formula il preventivo relativo al compenso spettante all’OCC. Il preventivo è determinato ai sensi dell’art. 9 del regolamento dell’organismo e, in difetto di accordo con il debitore/consumatore, secondo i principi ed i parametri di cui agli artt. 14 e ss. del DM 202/2014 e dell'art. 1 del DM 30/2012, fatta salva la relativa riduzione, da determinarsi in base alla complessità dell’incarico, ai sensi dell’art. 16, co. 4 del DM 202/2014.
    •   All’organismo spetta il rimborso forfettario delle spese generali nella misura del 15% sull’importo del compenso determinato come sopra, nonché il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate come previsto dall’art. 9 del regolamento, richiamato l’art. 14, co. 3 del  DM 202/2014.
    •    Sul compenso determinato deve essere corrisposta l’IVA ai sensi di legge.
    •   Il Consiglio direttivo dell’organismo, nella seduta del 30.07.2020, ha stabilito che, alla sottoscrizione del preventivo, l’istante deve corrispondere all’organismo l’importo fisso di euro 500,00 oltre IVA.
    •   L’ulteriore importo dovuto dal debitore/consumatore, fatta salva la diversa pattuizione concordata direttamente con il gestore nominato all’atto della predisposizione ed accettazione del preventivo e fatto salvo l’eventuale titolo alla prededuzione, dovrà essere corrisposto all’organismo con le seguenti modalità:
- primo acconto pari al 40% all’accettazione del preventivo (fermo restando la corresponsione dell’importo minimo di euro 500,00 oltre IVA);
- secondo acconto pari al 30% al deposito del piano/accordo;
- il saldo pari al 30% all’emissione del provvedimento da parte del giudice.